Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 

Le api felici fanno il buon miele!

È una mattina soleggiata, quando migliaia di instancabili lavoratrici in veste giallo-nera, approdano all'ADLER Lodge Ritten. Subito, si mettono all’opera: costruire favi, fare le pulizie, sorvegliare gli ingressi, lavorare il nettare, immagazzinare le scorte – un perfetto lavoro di squadra! 
 
Alcune di loro, visitano i prati fioriti e i boschi intorno al Lodge. Per fornire il sostentamento alla popolazione - e “addolcire” il soggiorno degli ospiti dell'hotel con aromatico miele di montagna...

Piccole, eppure così importanti


Le api hanno un ruolo fondamentale per l’impollinazione naturale delle piante e per la salvaguardia dell’ecosistema. E anche noi volevamo aggiungere il nostro contributo per frenare il rischio di estinzione di questi preziosi insetti, causato dal degrado dei loro habitat naturali. Nasce così la collaborazione con la coppia di apicoltori altoatesini Doris e Michael Hafner. E con essa l’idea di costruire una nuova dimora per 6 colonie di api con oltre 360.000 api, sotto gli alberi accanto al Lodge.

A misura d’ape

L’apicultura a 1.250 metri di altitudine richiede una grande conoscenza ed è una sfida particolare, persino per apicoltori esperti come Michael e Doris. Ma già i primi controlli della sciamatura, gli hanno tranquillizzati: Anche le api sanno apprezzare la frescura estiva e l’ambiente accogliente dell’altipiano – proprio come gli ospiti dell’hotel. D’altronde, qui trovano in abbondanza, tutto ciò di cui hanno bisogno. Una ricca varietà di succulenti fiori alpini, acqua fresca di sorgente, rigogliosi boschi. Spazio a volontà. Niente monocolture, niente pesticidi. Le premesse migliori, per il benessere delle api e la bontà del miele!
A fine luglio, i favi erano colmi di miele e rivestiti con un sottile strato di cera. Era arrivato il momento della smielatura. Come da buona prassi apistica, durante la raccolta i nostri apicoltori hanno estratto dai favi solo la quantità di miele in eccesso. Il “grosso” viene lasciato ai laboriosi insetti, come scorta, a cui attingere in tempi più difficili.

A proposito: cosa fanno le api in inverno? Si aggregano al centro dell’alveare, per scaldarsi a vicenda. Grazie alla loro capacità di sviluppare calore sbattendo le ali, riescono a sopravvivere anche quando le temperature scendono sotto zero. Ma già con l’arrivo dei primi tepori primaverili, l’ape regina comincia a produrre uova in quantità impressionanti. E dopo qualche settimana una nuova generazione di piccole operaie è pronta ad affrontare la nuova stagione, all’insegna del miele.

Il territorio in vasetto, il miele ADLER

Naturale, estratto a freddo e quindi ricco di principi attivi naturali, il suo gusto è caratterizzato dalle delicate note delle essenze miste di prati di montagna, dei fiori di tiglio e dagli aromi maltati e speziati della melata di bosco. Il nostro miele è particolarmente gustoso spalmato su una fetta di pane integrale o come dolcificante nel tè, nel caffè o nello yogurt. Si sposa benissimo con formaggi, carni alla griglia, dolci e dessert.

Un'esperienza gustativa da non perdere

La DEGUSTAZIONE DI MIELE con i nostri apicoltori. Oltre al Miele ADLER, potrete provare gustose varietà di miele dell’Alto Adige prodotte a diverse altitudini, nonché originali specialità a base di miele (al tartufo, al lampone, idromele…). Lasciatevi sedurre dal meraviglioso mondo delle api e del miele.

Il miele come rimedio casalingo

Da sempre il miele viene usato come rimedio naturale. Contiene sostanze come vitamine, enzimi, oligoelementi e minerali, utili per rafforzare il sistema immunitario e favorire i processi di guarigione. Soprattutto nel caso di raffreddore, tosse e mal di gola, un cucchiaio di miele sciolto nel tè o nel latte è un vero toccasana. Il nostro consiglio: far bollire prima il latte o il tè e poi aggiungere il miele per preservare i suoi preziosi ingredienti.

Alexandra Mayr
Direttrice dell'ADLER Lodge Ritten